27 MAGGIO 2021 – DIALOGO CON SILVIA NAPOLITANO

La sceneggiatrice Silvia Napolitano racconta Rodolfo Sonego, suo collega, amico e maestro.

Sceneggiatrice nata a Napoli, vive a Roma. Comincia tanti anni fa con Rodolfo Sonego: la prima cosa a cui collabora è l’episodio Le vacanze intelligenti, di Alberto Sordi, di cui ricorda ancora il grande divertimento durante la scrittura.

Rodolfo è il suo maestro, poi ci sono state Linda Seger e Dara Marks del Primo Corso Rai per Sceneggiatori: con grande sollievo scopre che le cose che dicono le americane sono le stesse di Rodolfo. Per il cinema scrive alcuni film, tra cui Giulia e Giulia di Peter del Monte, e Tre Mogli di Marco Risi.

Per la televisione scrive moltissimo. Tra le tante cose, Una Storia Qualunque e Un difetto di Famiglia di Alberto Simone, Un Dono Semplice di Maurizio Zaccaro, Nebbie e Delitti 1 e 2, di Riccardo Donna, Nebbie e Delitti 3 di Gianpaolo Tescari, Il Mondo delle Cose senza Nome di Tiziana Aristarco, La Doppia Vita di Natalia Blum, di Anna Negri, Zodiaco 2 di Tonino Zangardi, Il Commissario Nardone, di Fabrizio Costa, Adriano Olivetti, La Forza di un Sogno, di Michele Soavi, I Bastardi di Pizzofalcone di Carlo Carlei.

Per due anni tiene un Laboratorio di Scrittura all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente insegna sceneggiatura al Centro Sperimentale di Cinematografia.

Rivedi l’intervista